Come rimuovere i calcoli renali?

Come rimuovere i calcoli renali?

I reni filtrano il sangue e rimuovono i rifiuti extra e l’acqua come urina. Molte sostanze chimiche di scarto, che sono nell’urina, possono formare cristalli che si aggregano insieme per formare vere e proprie pietre. I calcoli renali sono cristalli duri, simili a rocce, di varie dimensioni e forme. Possono variare di dimensioni, da piccoli come un granello di sabbia a grandi come una pallina da golf.

Quanti tipi di calcoli renali esistono

  • I più comuni sono quelli formati da calcio combinato con ossalato o fosfato.
  • I calcoli di struvite sono causati da un’infezione urinaria e sono spesso a forma di corno e abbastanza grandi.
  • I calcoli dell’acido urico sono spesso più morbidi di altre forme di calcoli renali.
  • I calcoli cistinici sono rari ed ereditari e assomigliano più a cristalli che a pietre.

Nella maggior parte dei casi non vi è alcuna ragione nota per cui si forma un calcolo renale: un calcolo può formarsi quando sostanze come calcio, ossalato, ossalato, cistina o acido urico si trovano in livelli elevati nelle urine. Tuttavia, questi cristalli possono formarsi anche se queste sostanze chimiche sono a livelli normali.

Un piccolo numero di persone sviluppa calcoli renali a causa di condizioni mediche, in particolare quelle che possono portare a livelli elevati di calcio, ossalato, cistina o acido urico nel corpo. I farmaci utilizzati per il trattamento di alcune condizioni mediche, come le malattie renali, il cancro o l’HIV, possono anche aumentare il rischio di sviluppare calcoli renali.

Sintomi dei calcoli renali

Il dolore è tipicamente il primo segno di un calcolo renale. Conosciuto come ‘colica renale’, il dolore inizia di solito quando un calcolo si muove da dove si è formato nel tratto urinario. Questo causa un dolore alla schiena, appena sotto le costole. Può diffondersi nella parte anteriore del corpo e talvolta verso l’inguine.

Altri sintomi di un calcolo renale includono:

  • sangue nelle urine
  • nausea e vomito
  • brividi, sudorazione e febbre, con urine torbide o maleodoranti se c’è anche un’infezione
  • piccoli calcoli di acido urico, che sembrano ghiaia, nelle urine
  • una sensazione urgente di aver bisogno di urinare.

Come eliminare i calcoli renali?

La maggior parte dei calcoli renali possono essere trattati senza chirurgia e passano da soli entro tre o sei settimane. In questa situazione l’unico trattamento necessario è l’alleviamento del dolore. A volte, tuttavia, il dolore può essere così grave che possono essere necessari ricoveri ospedalieri e antidolorifici molto forti.

Se un calcolo blocca il flusso urinario, o causa emorragie o infezioni, può essere necessario curarlo con uno di questi metodi:

  • Onde ultrasoniche – Le onde ultrasoniche vengono utilizzate per rompere il calcolo renale in pezzi più piccoli, che possono svenire con l’urina. Viene utilizzato per calcoli di dimensioni inferiori a due centimetri.
  • Nefrofotomia percutanea – Si pratica una piccola incisione nella schiena e poi si usa uno strumento speciale per rimuovere il calcolo renale.
  • Rimozione dell’endoscopio – Uno strumento viene inserito nell’uretra, passato nella vescica, poi nel luogo preciso dove si trova il calcolo. Permette al medico di rimuovere la pietra o romperla in modo che possa passare più facilmente.
  • Chirurgia – Questo richiede un’incisione nella schiena per accedere al rene e all’uretere per rimuovere il calcolo.
    Essere consapevoli dei rischi e dei sintomi dei calcoli renali è una parte importante della cura dei reni.

Lascia un commento