Perchè i bambini piangono?

Perchè i bambini piangono?

Quando si tratta di bambini, ci sono pochi assoluti: dopo tutto, non ci sono due bambini uguali, e ciò che funziona per uno potrebbe non funzionare per un altro. Ma c’è una cosa che tutti i bambini hanno in comune, la tendenza a piangere: l’estensione di questi piccoli lamenti varierà naturalmente da bambino a bambino, ma la maggior parte dei nuovi genitori può aspettarsi di avere a che fare con una o tre ore di pianto del bambino ogni giorno. Perché? Perché è l’unico modo per comunicare i suoi bisogni e i suoi desideri. Insomma, le possibili ragioni per cui i bambini piangono sono molteplici: cerchiamo di scoprirne alcune.

Il bambino ha fame

Tutti diventano un po’ irritanti quando hanno fame, specialmente i bambini: possono passare dalla calma piatta a urla fastidiosissime se non mangiano da un po’ di tempo. Si potrebbe riconoscere il pianto causato dalla fame in base al suo ritmo piuttosto ripetitivo e (di solito) piuttosto breve. Le grida di fame del bambino possono includere anche un suono “neh” , afferma George Betsis, co-fondatore di Dunstan Baby Language, un’organizzazione dedicata alla comprensione delle urla del bambino: questo deriva dal fatto che la lingua del bambino colpisce, di riflesso, i pochi denti della sua bocca nella ricerca del latte.

La chiave per capire come organizzarsi con le poppate non è guardare l’orologio, ma rispondere alle indicazioni del bambino. “Piangere è un segno tardivo di fame”, spiega Paul Horowitz, MD, pediatra della Discovery Pediatrics a Valencia, California. Per evitare che il bambino che pianga dalla fame, bisogna identificare i primi segni che lo rendono pronto per uno spuntino: di solito il neonato tende a succhiare le labbra, le mani o a girare la testa in modo confuso. 

Sonnolenza

Essendo genitori esausti, si può essere in grado di addormentarsi nel momento in cui si colpisce il materasso, ma lo stesso non accade necessariamente per il bambino: dormire è un’abilità che si apprende proprio come qualsiasi altra cosa. Per aiutare a ridurre il pianto del bambino durante la notte e calmarlo fino a farlo addormentare, è probabile che ci sarà bisogno di un po’ di tentativi. La fasciatura, per cominciare, può far sentire piccolo in un contesto più accogliente e confortevole: alcuni bambini rispondono bene anche al movimento oscillatorio, al suono di una ninnananna o anche al ronzio del vuoto.

Se il bambino piange di notte e si sveglia frequentemente, si può essere tentati a ridurre il sonno diurno, pensando che meno sonnellini pomeridiani aiuteranno il bambino a dormire meglio di notte, ma non è così. Quando il bambino è troppo stanco, il suo corpo produce ormoni che gli danno una nuova energia, rendendo più difficile rimanere addormentato.

Pannolino sporco

Alcuni bambini possono stare seduti in un pannolino bagnato o sporco per ore: alcuni impazziscono se sono a disagio per più di un secondo, e incolparli per questo è assolutamente sbagliato. Ci si fermi un attimo, per prendersi un secondo e aprire il pannolino del proprio figlio, così da effettuare un rapido controllo o eseguire un “sniff test”. Si può anche optare per un marchio di pannolini che viene fornito con un indicatore di umidità, che porta il pannolino a cambiare colore quando è bagnato. In questo modo, non sarà necessario spogliare il proprio bambino ogni volta che il  bambino piange.

Dentatura

Il bambino può iniziare a sviluppare la dentatura già a 4 mesi di età e, quando il dolore inizia a diventare intenso, il pianto del bambino è praticamente garantito. Altri segni di dentizione sono l’eccessivo sbavare e rosicchiare su qualsiasi cosa sia portata di mano. In questo caso, per alleviare il dolore del proprio bambino, basterà massaggiare le gengive fino a quando il suo dito emetterò un suono stridulo o, in alternativa, fargli masticare congelati panni o anche bavaglini di cotone, che possono dare al bambino un po’ di sollievo.

Anche se può essere allettante, sarà meglio tenersi alla larga da ausili per la dentizione da banco a base di benzocaina: questi prodotti non sono più approvati dall’American Academy of Pediatrics, poiché possono intorpidire la parte posteriore della gola e interferire con la capacità di deglutizione del bambino. Inoltre, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti avverte i genitori dei pericoli dei rimedi omeopatici, come le pastiglie per la dentizione. Quando si tratta di lenire i dolori della dentizione di un bambino che piange, il sollievo naturale è la cosa migliore, a meno che il bambino non sia mostri segni di sofferenza.

Necessità di attenzione

Tutti i bambini hanno bisogno di trascorrere un po’ di tempo tranquillo su un materassino da gioco, in un’altalena o su una sdraio; nonostante ciò, il neonato sarà molto più felice e tranquillo quando sarà con i propri genitori. “I bambini spesso piangono per la solitudine perché non vengono tenuti o cullati costantemente. Hanno bisogno di queste cose mentre attraversano questo periodo di rapido sviluppo”, ha affermato Narvaez. “I bambini piccoli dovrebbero essere assistiti in modo empatico e veloce, in modo che i loro sistemi imparino ad essere calmi invece che agitati o aggravati”.

Malattia

A nessuno piace essere malato e sofferente, bambini compresi. Se un bambino si sente male, piangerà più spesso del solito. “La maggior parte dei genitori sa come suona il pianto abituale del bambino, quindi se il bambino non smette di piangere o piange più a lungo del solito, potrebbe essere un segno di malattia”, ha dichiarato Charles. In quei casi, è consigliato portare subito il bambino dal suo pediatra, per trovare una rapida condizione al suo disagio.

Disturbo generale

Avere una ciglia incastrata nell’occhio, un capello che dà fastidio o un’etichetta di abbigliamento che si sfrega contro la pelle causerà certamente fastidio, ma per gli adulti basterà semplicemente rimuovere qualsiasi tipo di disagio. Ma una bambino ha un solo modo per farti sapere che è a disagio, e questo è, naturalmente, piangere. Se il bambino è ancora infelice dopo aver dormito ed essere stato nutrito, cambiato e curato, potrebbe avrebbe un qualche disturbo generale.

Lascia un commento